Polifarma

Malattie cardiache e ipertensione: perché il coronavirus è pericoloso?

 

Le persone con problemi cardiovascolari, come i cardiopatici e gli ipertesi, hanno maggiori probabilità di avere complicazioni da COVID-19, pertanto devono stare particolarmente attente a proteggersi dal virus.

Qual è il significato del termine “Ipertensione”? Quali sono le conseguenze di questa patologia?

L'ipertensione è una malattia caratterizzata da elevata pressione arteriosa, che dipende dalla quantità di sangue che pompa il cuore e dalla resistenza delle arterie stesse al flusso sanguigno.

Pertanto, un soggetto ha la pressione alta quando i valori di pressione sanguigna massima (sistolica) e minima (diastolica) superano rispettivamente 140 mmHg e 90 mmHg. L'ipertensione, se non trattata e se non monitorata continuamente attraverso le misurazioni della pressione sanguigna, nel tempo può portare a gravi conseguenze, come infarto o ictus.

Qual è la prevalenza dell’ipertensione arteriosa nella popolazione italiana?

L’ipertensione arteriosa è un problema che colpisce in Italia circa il 30% degli uomini e il 31% delle donne adulte, per le quali diventa più comune dopo la menopausa.

Perché le persone con pressione alta hanno maggiori probabilità di avere complicazioni da COVID-19?

Il fatto che le persone con malattie cardiovascolari, come la pressione alta, siano maggiormente a rischio di complicazioni dovute al coronavirus non è solo correlato alla maggiore vulnerabilità sistemica di questi pazienti. Infatti, stando a uno studio pubblicato dall'American Association of Clinical Cardiologists, tra le complicanze della malattia COVID-19, molto sono di tipo cardiovascolare:

  • Aritmie cardiache
  • Danni cardiaci acuti
  • Casi di insufficienza cardiaca a esordio acuto
  • Infarto del miocardio
  • Miocardite
  • Arresto cardiaco

Inoltre, secondo una ricerca pubblicata sull'European Heart Journal, i pazienti ipertesi hanno un rischio molto più alto di complicanze rispetto ai soggetti contagiati che non soffrono di ipertensione. I pazienti con ipertensione arteriosa, che non assumono farmaci per controllare tale condizione, presentano un rischio più elevato di morire per COVID-19.

Qual è il meccanismo d’azione del virus a livello cardiovascolare?

Attaccando i polmoni, il virus riduce al minimo la capacità del cuore di ossigenare il sangue e lo costringe a lavorare troppo, aumentando il bisogno di pompare di più e sempre più velocemente.

Inoltre, non è da escludere che l'infezione virale danneggi direttamente le cellule del cuore, come è stato dimostrato nei casi di infezione con altri tipi di coronavirus. Infine, la stessa risposta infiammatoria innescata da SARS-CoV-2 potrebbe avere effetti deleteri sul muscolo cardiaco.

Quindi, cosa fare se si ha la pressione alta in questo periodo COVID-19?

La SIIA (Società Italiana Ipertensione Arteriosa) consiglia ai pazienti ipertesi di non modificare la terapia antipertensiva che già stanno assumendo e di continuare a monitorare la loro pressione sanguigna.

Pertanto, è imperativo che le persone più a rischio, come gli anziani, aderiscano rigorosamente alle seguenti semplici precauzioni.

Se ti sta a cuore, segui i consigli della SIIA per ridurre il rischio di contrarre il COVID-19:

  1. Rimani a casa a meno che non ci sia un motivo molto serio e reale (come la salute) e ricorda di prendere regolarmente la terapia antipertensiva prescritta dal medico (e altri trattamenti).
  2. Fai la spesa al mercato, possibilmente all'aperto.
  3. Non andare dal medico se non è necessario, puoi semplicemente chiamare.
  4. Misura la pressione sanguigna: puoi utilizzare un dispositivo di auto misurazione domestico.
  5. Mantieni una distanza di sicurezza dagli altri, almeno 2 metri. Non stringere la mano e non abbracciare persone con cui non vivi.
  6. Lavati spesso le mani.
  7. Metti un fazzoletto usa e getta davanti alla bocca e al naso quando tossisci o starnutisci.
  8. Segui una dieta sana ed equilibrata, privilegiando verdura, frutta e riduci il consumo di sale.
  9. Bevi molti liquidi (a meno di controindicazioni specifiche).
Condividi

Sei un medico specialista?

Registrati al sito approfitta
dei contenuti e dei servizi a te dedicati!

Registrati Subito

 
 
Polifarma

Polifarma SpA - Capitale Sociale €1.000.000,00 - I.V. Reg.Imp.Roma - Codice Fiscale 00403210586 - Rea Roma N. 11913 - P.Iva 00882341001